area riservata 
domenica 25 novembre 2018

 

Notizie

cerca per parola chiave


<< torna alle news

Noi credevamo - di Mario Martone
Proiezione nell’ambito delle celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia

Lunedì 4 aprile alle ore 20 ad Asti presso il Teatro Alfieri ( Via al Teatro 2), l’Associazione Premio Asti d’Appello, in collaborazione con il Comune di Asti nell’ambito delle celebrazioni del 150°dell’Unità d’Italia, organizza la proiezione del film Noi credevamo di Mario Martone (2010), tratto dall’omonimo romanzo di Anna Banti che nel 1967 si aggiudicò la seconda edizione del Premio d’Appello.

Una straordinaria opportunità per l’Associazione di celebrare insieme l’anniversario dei 150° anni dell’Unità e un episodio significativo della propria storia.

In sala, gradito testimonial dell’evento, ci sarà il canellese Andrea Bosca, l’attore che nel film interpreta il giovane Angelo, uno dei tre protagonisti della vicenda.

Come è costume per le iniziative del sodalizio, i posti non riservati dai soci e dalle autorità saranno resi disponibili per la cittadinanza a partire da martedì 29 e fino ad esaurimento delle disponibilità.


Il film: Tre ragazzi del sud (Domenico, Angelo e Salvatore) reagiscono alla pesante repressione borbonica dei moti del 1828 che ha coinvolto le loro famiglie affiliandosi alla Giovane Italia. Attraverso quattro episodi che li vedono a vario titolo coinvolti vengono ripercorse alcune vicende del processo che ha portato all'Unità d'Italia. A partire dall'arrivo nel circolo di Cristina Belgioioso a Parigi e al fallimento del tentativo di uccidere Carlo Alberto nonché all'insuccesso dei moti savoiardi del 1834. Questi eventi porteranno i tre a dividersi. Angelo e Domenico, di origine nobiliare, sceglieranno un percorso diverso da quello di Salvatore, popolano che verrà addirittura accusato da Angelo (ormai votato all'azione violenta ed esemplare) di essere un traditore della causa. Il Risorgimento narrato nei chiaroscuri delle sue divisioni con notevole documentazione storica.

La descrive così il critico Giancarlo Zappoli “un'opera non di occasione e sicuramente non celebrativa.”

Si segnala che la durata del film è di circa tre ore.

 
Associazione Premio Letterario Asti d'Appello - C.F. 92056200055 - IBAN IT35Z0608510300000000033210