area riservata 

 

Premiazione Premio Asti d'Appello (25 novembre 2018)

Marco Balzano vince premio Asti d’Appello 2018

Il Premio Asti d'Appello 2018 è andato a “Resto qui” di Marco Balzano, edito da Einaudi e proveniente dal Premio Strega.
Questa la motivazione della giuria: "Per una storia di sofferenza, prevaricazione e coraggio personale, testimonianza di esperienza dimenticata, di un territorio e di una comunità. Per l'importanza di una diversità e delle sue vicende. Per la capacità di disegnare le personalità dei protagonisti nella misura di uno stile fluido ed efficace". All'autore, sul palco del Teatro Alfieri, è stato consegnato dal presidente dell'associazione Premio Asti d'Appello Piero Ghia un assegno da 10 mila euro. Inoltre "Resto qui" si è aggiudicato anche il premio speciale della giuria popolare, ricevendo dal presidente dell'Ordine dei Giornalisti Alberto Sinigaglia, che ha fatto le veci del presidente e amministratore delegato di Aurora Cesare Verona, un’esclusiva penna stilografica Hastil. Una penna Aurora è andata anche a tutti gli altri scrittori in gara.
La cerimonia, tenutasi al Teatro Alfieri di Asti e condotta da Chiara Buratti con le "incursioni critiche" di Massimo Cotto (che ha moderato anche l'incontro on gli scrittori in Sala Pastrone), si è chiusa con lo spettacolo "I peccati di Rossini " con la soprano Cinzia Forte, il pianista Marco Scolastra e la voce narrante di Sandro Cappelletto, autore anche del testo. La performance è stata accolta da lunghi applausi del numeroso pubblico che ha richiamato sul palco gli artisti per un bis.

(foto Franco Rabino)



PREMIO ASTI D'APPELLO

Il premio Asti d'Appello nasce, anzi rinasce ad Asti a cura della Biblioteca Astense e della Associazione Premio Asti d'Appello grazie al sostegno della Regione Piemonte, della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti e della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino.

Recupera dopo molti anni un nome e un'idea originale degli anni '60: rimettere in gioco i romanzi giunti secondi e terzi nei maggiori premi letterari nazionali e offrir loro una seconda chance, una sentenza d'appello. Il premio, presieduto dallo scrittore e pittore Leonida Repaci, ebbe soltanto tre edizioni, dal 1966 al 1968, ma ebbe il merito di premiare esclusi di vaglio quali Anna Banti per Noi credevamo e Italo Calvino per Le cosmicomiche.

Poi venne abbandonato sull'onda delle contestazioni del '68. Ora la sollecitazione a riprendere l'iniziativa viene niente di meno che da Paolo Conte, l'avvocato e chansonnier astigiano, presidente onorario del premio.



Notizie

cerca per parola chiave


Mercoledì 22 maggio in Sala Pastrone doppio appuntamento targato Premio Asti d'Appello

Mercoledì 22 maggio alle ore 18 in Sala Pastrone il Premio Asti d’Appello propone una nuova iniziativa ai propri soci con la presentazione del video 1 [...]


Mercoledì 10 aprile ore 18 alla Sala Convegni della Camera di Commercio presentazione volume Eugenio Bolley, Opere 1950-2018

Mercoledì 10 aprile alle 18 presso la Sala Convegni della Camera di Commercio di Asti (Piazza Medici 8)l’Associazione Premio Letterario Asti d’Appello [...]


Disponibile alla Biblioteca Astense il primo volume del Premio Asti d'Appello 2019

Da oggi è disponibile per i soci alla Biblioteca Astense “Fiori sopra l’inferno” di Ilaria Tuti, finalista al Premio Scerbanenco, il primo volume sele [...]


Contributo Regionale 2018 per il Premio d'Appello

In ottemperanza a quanto previsto dalla Legge n. 124 del 4.8.2017 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza) art. 1, comma 125, diamo notizia ch [...]


regione piemote fondazione cr asti

 

 
Associazione Premio Letterario Asti d'Appello - C.F. 92056200055 - IBAN IT35Z0608510300000000033210